a te che passi qui.. benvenuto

Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci guardi. A seconda del tipo di sguardo sotto il quale vogliamo vivere, potremmo essere suddivisi in quattro categorie. La prima categoria desidera lo sguardo di un numero infinito di occhi anonimi [...] La seconda categoria è composta da quelli che per vivere hanno bisogno dello sguardo di molti occhi a loro conosciuti [...] C'è poi la terza categoria, la categoria di quelli che hanno bisogno di essere davanti agli occhi della persona amata [...] E c'è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti. Sono i sognatori.

M.Kundera

martedì 7 febbraio 2012

ZERO A ZERO


Più ristretto è il nostro campo di azione, di visuale e di relazioni, e più siamo felici.
                                                                                                        Arthur Schopenhauer

13 commenti:

  1. C'è sempre qualcuno che sta peggio di noi! Vero?
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Secondo me Shopenhauer aveva torto. La felicità è inversamente proporzionale alla consapevolezza, cioè meno sei consapevole più sei felice. E per questo motivo, essere consapevoli di orizzonti ristretti tutto può generare tranne la felicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse proprio questo voleva dire con quella frase. Non essere consapevoli della propria limitazione ma vivere senza porsi tante domande, chi non vede al di la del proprio naso di sicuro crede di esserlo.

      Elimina
  3. ...quanto più è larga, tanto più spesso ci sentiamo tormentati o angosciati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si proprio così, credo tu abbia colto il senso.

      Elimina
  4. Ma è vera felicità quella che descrive Schopenhauer, o è solo accontentarsi?

    RispondiElimina
  5. Sia Lorenzo che Primo fanno commenti plausibili a cui mi associo. Anche se darne in ogni caso una definizione coporta non averne capito profondamente il senso.

    RispondiElimina
  6. Se uno è convinto che la vera felicità non esiste, allora "accontentarsi" diventa l'unica felicità possibile.
    Io sto con Schopenhauer.

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Immagino tu ti riferisca al video. Anche io trovo che Antonio Rezza sia superiore e per questo poco valorizzato come sempre, un pò dissacrante forse...
      Peccato (mi sa)che tu sia l'unico qui che l'abbia aperto e apprezzato.

      Elimina
  8. La frase è perfettissima

    (Grande Rezza)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh..finalmente qualcuno che lo conosce e lo stima...
      Ciao e grazie del commento.

      Elimina