a te che passi qui.. benvenuto

Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci guardi. A seconda del tipo di sguardo sotto il quale vogliamo vivere, potremmo essere suddivisi in quattro categorie. La prima categoria desidera lo sguardo di un numero infinito di occhi anonimi [...] La seconda categoria è composta da quelli che per vivere hanno bisogno dello sguardo di molti occhi a loro conosciuti [...] C'è poi la terza categoria, la categoria di quelli che hanno bisogno di essere davanti agli occhi della persona amata [...] E c'è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti. Sono i sognatori.

M.Kundera

lunedì 16 gennaio 2012

Shame






Lui è Brandon, erotomane, un bellissimo uomo quarantenne (la prima immagine è un suo nudo integrale mentre snobba la voce di una donna sulla segreteria telefonica ) con un buon lavoro e un bell'appartamento a New York. Una vita, quella del protagonista, di solitudine, di sentimenti imprigionati, con dei fantasmi che si ripresentano all'arrivo della sorella Sissy;  il regista non svela pressochè nulla del passato dei due, lasciando allo spettatore il compito di indagare sul motivo della loro impossibilità di poter instaurare con l'altro sesso rapporti  "sani" . La chiusura di Brandon verso l'affettività lo porta a sfogare il proprio malessere nel sesso occasionale, in chat, in masturbazioni continue, nella pornografia fino allo sfinimento.


Non ho trovato così scandaloso questo film come qualcuno, il sesso viene ostentato, esagerato volutamente fino a lasciare anestetizzati proprio come si deve sentire Brandon, che cercherà una via di fuga ( una redenzione?) , Mi sono piaciute le immagini, la musica, gli attori.. Sto molto attenta a non svelare altro così come ha fatto il regista lasciando agli spettatori una libera interpretazione per il finale.






Buon inizio cinematografico per l'anno 2012.
Consigliato.

11 commenti:

  1. Un inizio con il dubbio della scoperta. :-)

    RispondiElimina
  2. Non l'avevo ancora preso in considerazione ma il tuo punto di vista positivo me lo fa rivalutare.

    Baci

    RispondiElimina
  3. Film brutto, non scioccante come avevo pensato leggendo le recensioni, ma semplicemente brutto e insignificante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come avrai visto ho risposto sul tuo stesso blog.
      ciao

      Elimina
  4. recensito ottimamente anche sul Fatto Quotidiano, fa un po' American Psyco ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la recensione sul FQ di un certo Federico Pontiggia che accusa il film di furbizia e ruffianaggine da parte del regista per accattivarsi il pubblico.
      Non so se intendevi quella. Ciao leggo sempre i tuoi post anche se non sempre li commento.

      Elimina
  5. non vedo l'ora di vederlo...la curiosità aumenta a dismisura!

    RispondiElimina
  6. Sembra interessante, come è l'interpretazione degli attori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio modesto parere molto buona!

      Elimina
    2. Ho visto il trailer su Youtube e caspita l'attore Michael Fassbender è stato se ho visto bene miglior attore alla mostra del cinema di Venezia.

      Elimina